Ciò che è corruttibile e soggetto agli eventi non può mai essere sorgente di felicità, poiché non bisogna confondere la felicità, che dev’essere durevole con il piacere, che è necessariamente passeggero. Dobbiamo dunque cercare la felicità nelle cose incorrutibili. Si può arrivare dunque ad una verità consolante e sublime, l’uomo trova nelle tre facoltà della sua anima elementi di gioia inaccessibili ai casi della fortuna, del tempo o della tirannia: la scienza è inviolabile, la risolutezza è inviolabile, l’amore è inviolabile. Così, per essere felici, cerchiamo la verità, cioè Dio stesso; siamo liberi, ossia vincitori delle nostre passioni, ma amiamo; è questa la via della felicità. Vedo con emozione che la felicità è essenzialmente di questo mondo, perché nel mondo si può studiare, si hanno possenti tentazioni da combattere, e la poesia ci fa amare tutto ciò che vi è in esso.

Sully Prudhomme

Tags:

Lascia una Replica

Per aggiungere un commento bisogna essere registrati.