vicolo-gazaOggi è il giorno della memoria e va bene. Una memoria che è giusto serbare, tramandare, studiare e va bene. Una memoria che fino a qualche anno fa era di sinistra, era antifascista, partigiana, ora è fondamentalmente di destra o di chi sa farne l’uso migliore al momento giusto. E va bene anche questo. Mi domando intanto se mai qualcuno tra sessanta anni ricorderà Gaza, Sabra e Chatila, Falluja, Beirut, la Cecenia, il Darfour e tutti quegli altri buchi del culo del mondo dove ogni giorno tanti innocenti vengono annientati, ridotti in schiavitù in campi di concentramento nemmeno tanto new age, arsi vivi dal fosforo intelligente, senza che nessuno si scomponga più di tanto. E il caso di Gaza, di tutto il Medio Oriente è ancora più atroce, perchè è proprio chi è scampato all’olocausto a perpetrare questi crimini, a sostenerli, ad infuocare gli animi delle genti, a far leva sui sentimenti più intimi dell’animo umano, sul ricordo e sulla vendetta! E se permettete, per me non c’è nessuna differenza, se non nel fatto che per le vittime del Sud del mondo non ci sarà mai un giorno della memoria!

Tags: , , , ,

Lascia una Replica

Per aggiungere un commento bisogna essere registrati.