«Poi uno degli anziani, che pensava profondamente, ebbe un’idea. Egli era presso questo popolo il gran medico, il loro stregone; eveva un’intelligenza veramente filosofica e geniale e lo attraeva l’idea di curare Nunez delle sue stranezze. Un giorno in cui Yacob era presente egli tornò al caso di Nunez.
Ho esaminato Bogota “, egli disse, ” e il caso è per me più chiaro. Penso che molto probabilmente potrebbe essere curato “.
È quel che avevo sempre sperato “, disse il vecchio Yacob.
Il suo cervello è leso “, disse il dottore cieco.
Gli anziani approvarono con mormorio.
E allora che cosa lo ha fatto ammalare? “.
Già “, fece il vecchio Yacob.
Questo“, disse il dottore rispondendo alla sua stessa domanda. ” Queste curiose cose che si chiamano occhi, e che esistono per creare nel volto un grazioso morbido incavo, sono ammalate, nel caso di Bogota, in modo tale che il suo cervello ne è leso. Essi sono molto ingrossati, hanno ciglia, e le sue palpebre si muovono, e di conseguenza il suo cervello è in uno stato di irritazione e turbamenti continui“.
Davvero? “, disse il vecchio Yacob. ” Davvero?“.
E penso di poter dire con una certa sicurezza che per curarlo completamente, tutto quel che bisogna fare è una semplice e facile operazione chirurgica, cioé togliere questi corpi irritanti “.
E poi starà bene “.
Poi starà bene e sarà un cittadino perfetto “.
Il cielo sia ringraziato per la scienza! ” disse il vecchio Yacob, e corse fuori per comunicare a Nunez la sua speranza ».

Tratto da Herbert George Wells, The Days of the Comet Seventeen Short Stories, Charles Scribners Sons, New York 1925

Tags: , ,

Lascia una Replica

Per aggiungere un commento bisogna essere registrati.