In qualsiasi paese occidentale e non solo, l’affermazione “Sono contro una società multietnica”avrebbe suscitato non polemiche da campagna elettorale, ma un’ indignazione tale che avrebbe portato l’artefice di tali parole, il Presidente del Consiglio, a cambiare mestiere nel giro di poche ore. In Italia questo non avviene, anzi anche il livello d’indignazione è molto molto basso, tanto basso da far pensare che questo paese abbia smesso di respirare, di sentire. Leggi tutto »

Tags: , , , , , ,

Il governo italiano esulta dopo aver rimpatriato i 227 migranti che erano giunti, dopo una terribile traversata in mare, all’altezza del Canale di Sicilia. Sono stati rispediti in Libia, senza neanche vedere la terra ferma, senza toccare con mano il sogno di una vita o semplicemente l’unica via d’uscita dalla guerra, dalla fame e dalla morte, l’unica possibilità di riscatto.
“Se l’operazione fatta oggi continuerà il problema del contrasto tra Italia e Malta sull’accoglimento dei clandestini sarà risolto perchè in qualunque acqua si trovino i barconi saranno rispediti in Libia da dove sono partiti”. Il nostro ministro si compiace di questo brillante gesto diplomatico ma privo di ogni forma di umanità; la politica del nostro governo con questo ennesimo atto di rifiuto verso i più deboli svuota il nostro paese di tutti quei valori che ci hanno sempre contraddistinto, ossia l’accoglienza e l’ospitalità di chi solo qualche decennio fa è stato migrante e tutt’oggi continua ad esserlo. Leggi tutto »

Tags: , , , , ,