Da secoli l’idea d’Italia suscita nell’animo degli europei un’emozione particolare. Come se l’universo di questa penisola fosse formato di una materia diversa – i paesaggi, le città, i villaggi immersi in una specie di luce mitica, il cui segreto restava inaccessibile. I viaggiatori del Grand Tour (ndt.: specie nel 1800) non smettevano di descriverne il fascino. Gli scrittori hanno tentato spesso di accostarsi al suo mistero. Stendhal vi provava una continua emozione, fino al malessere, condiviso da molti altri visitatori messi di fronte alla sovrabbondanza dell’arte. Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

I governi mondiali sono in preda a un’allegria isterica. Hanno salvato le banche, e quindi sé stessi, e si sentono in salvo. Tutto come prima. Stimulus per macchine, CO2, cemento. Per la produzione di beni inutili che alimentano un’economia priva di senso che distrugge il pianeta. La sfilata dei G8, vestiti, pranzi, cene e cotillon si è chiusa con un nulla di fatto. I partecipanti alla parata dell’Aquila sono degli irresponsabili. Hanno deciso di non decidere. Di spostare la lancetta al 2050 per contenere le emissioni di gas serra in un aumento massimo di due gradi. Per allora Obama, Merkel, lo psiconano, Brown e consorti saranno morti. Due gradi-2050, una buona abbinata. perché non un grado nel 2020 o mezzo grado nel 2015? Questi giocano ai bussolotti con la nostra pelle. Gli interessi economici guidano i governi, non gli interessi sociali. La crisi economica è stata una grande occasione (già perduta) per ridefinire le priorità. Al cambiamento ci dovremo arrivare per necessità. Leggi tutto »

Tags: , , , , , ,

Ai padroni del mondo, che si scambieranno convenevoli e sorrisi di circostanza durante il G8 a L’Aquila, a quelli che con le loro parole, il loro denaro, il loro fascino e i loro interessi decidono della vita e della morte, della guerra e della pace, della miseria e dell’opulenza, chiediamo di ridimensionarsi e di provare a sentirsi per un attimo parte di un pianeta morente e di queste note.

You need to install or upgrade Flash Player to view this content, install or upgrade by clicking here.

Tags: , , ,

Chissà cosa avrà risposto il leader cinese Hu Jintao al Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, quando, ricevendolo al Quirinale ha sollevato la questione dei diritti umani in Cina, proprio oggi che la manifestazione di centinaia di musulmani cinesi viene repressa nel sangue. Nel frattempo il segretario della Cei, monsignor Mariano Crociata dice: “Assistiamo ad un disprezzo esibito nei confronti di tutto ciò che dice pudore, sobrietà, autocontrollo e allo sfoggio di un libertinaggio gaio e irresponsabile che invera la parola lussuria salvo poi, alla prima occasione, servirsi del richiamo alla moralità, prima tanto dileggiata a parole e con i fatti, per altri scopi, di tipo politico, economico…”
A chi mai si starà riferendo il monsignor Crociata? Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , ,

Nel 2005 i leader del G8 hanno promesso di sostenere lo sviluppo dei paesi più poveri.
Ma questa promessa è stata disattesa: 50 miliardi di dollari in più dovevano essere dedicati agli aiuti entro il 2010, di cui la metà per l’Africa. A tutt’oggi, questi target sono ancora lontani-mancano ancora 30 miliardi di dollari, di cui 10 miliardi solo per l’Africa, dove solo una persona su 5 ha accesso alle cure mediche per HIV e AIDS.
E allora mostriamo loro come si mantengono le promesse! Diamo l’esempio al governo italiano e ai leader del G8 perché sappiano mantenere le promesse fatte ai summit precedenti per combattere la povertà e garantire salute, acqua e istruzione per tutti.

Prometti anche tu!

Tags: , , , , ,

Vergogna, si, ancora vergogna! Assolti i vertici della polizia Gratteri (ora capo anti-crimine) e Luperi (n.1 ex Sisde), condanne solo per chi si lasciò, come dire prendere la mano e ci andò giù duro con le botte. Insomma solo per gli operativi che avevano fatto di testa loro senza tener conto di alcun ordine dall’alto e avevano massacratto 93 persone all scuola Diaz durante il G8 di Genova. E poi…le molotov depositate di proposito per creare un pretesto…una motivazione al pestaggio: solo una grande idea di un paio di poliziotti! Ancora una volta a pagare sono solo gli ultimi, quelli che non hanno potenti mezzi per difendersi e rimangono schiacciati dai meccanismi del potere. Ma chi ha pagato di + oggi siamo noi, ancora una volta lesi nei nostri diritti, nella nostra libertà e soprattutto nel nostro provar vergogna, una vergogna a cui non ci abitueremo mai, anche se intorno tutti lavorano perchè ciò avvenga!

Tags: , , ,