La più grande compagnia farmaceutica del mondo ha ingaggiato degli investigatori per trovare prove di corruzione nei confronti del procuratore nigeriano per cercare di convincerlo ad abbandonare l’azione legale sul controverso test farmacologico che coinvolge i bambini con la meningite, in accordo con la fuga di notizie provenienti dall’ambasciata degli Stati Uniti.

La Pfizer è stata citata in giudizio dalle autorità statali e federali nigeriane, le quali hanno sostenuto che i bambini sono stati danneggiati da un nuovo antibiotico, il Trovan, durante la sperimentazione che ha avuto luogo nel bel mezzo di una epidemia di meningite senza precedenti, a Kano, nel nord della Nigeria nel 1996.
L’anno scorso, l’azienda venne a un accordo provvisorio con il governo dello Stato di Kano per un costo di 75 miliardi di dollari.
Ma la fuga di notizie lascia intendere che il gigante farmaceutico americano non voleva pagare per risolvere i due processi – uno civile e uno penale – intentati dal governo federale nigeriano. Leggi tutto »

Tags: , , , , , ,

Presidente Silvio Berlusconi, le scrivo dopo che in una conferenza stampa tenuta da lei a Palazzo Chigi sono stato accusato, anzi il mio libro è stato accusato di essere responsabile di “supporto promozionale alle cosche”. Non sono accuse nuove. Mi vengono rivolte da anni: si fermi un momento a pensare a cosa le sue parole significano. A quanti cronisti, operatori sociali, a quanti avvocati, giudici, magistrati, a quanti narratori, registi, ma anche a quanti cittadini che da anni, in certe parti d’Italia, trovano la forza di raccontare, di esporsi, di opporsi, pensi a quanti hanno rischiato e stanno tutt’ora rischiando, eppure vengono accusati di essere fiancheggiatori delle organizzazioni criminali per il solo volerne parlare. Perché per lei è meglio non dire. Leggi tutto »

Tags: , , , , , , , , , , , , , ,

[Storia Recente] ANM SU SOSPENSIONE DEI PROCESSI
Un emendamento presentato al disegno di legge di conversione del decreto-legge in materia di sicurezza propone di introdurre la immediata sospensione di tutti i processi di primo grado in corso per fatti commessi prima del 30 giugno 2002, ad eccezione dei processi di criminalità organizzata e per delitti puniti con pena superiore a dieci anni.
Si tratta di un intervento di cui non si comprendono le finalità e che aggrava la già difficile situazione del processo penale.
Abbiamo il dovere di sottolineare le gravissime disfunzioni che deriverebbero dal generalizzato rinvio di un anno di migliaia di processi, anche per fatti di rilevante gravità. Leggi tutto »

Tags: , , , ,